Laura Bagni SPA Manager

Laura Bagni SPA Manager

Per il ciclo “Testimoni di Coaching” incontriamo oggi Laura Bagni, SPA Manager per Hotel di lusso.

Innanzitutto ci racconta di cosa si occupa? Da quando opera in questo ambito? Come si è avvicinata al Coaching?

Mi occupo principalmente di SPA Management ossia della gestione di SPA e centri benessere, specialmente appartenenti a Hotel di lusso. Opero nel settore Hotellerie e Hospitality da 7 anni, dopo aver lavorato 5 anni in società di consulenza direzionale a Milano, un periodo che ha rappresentato per me un’ottima esperienza per acquisire la conoscenza del Project management ed il lavoro in Team, con attori diversi e presso grandi aziende.

Da quando mi sono avvicinata al mondo del Management alberghiero, sono diventata responsabile di SPA, docente di Gestione Centro estetico e titolare della SPA del famoso Grand Hotel Principe di Piemonte a Viareggio: in questo bellissimo percorso professionale mi sono occupata di tutto ciò che riguarda una SPA, dalla fase di start up, alla scelta dello staff, marketing & comunicazione, controllo di gestione, accoglienza e gestione dell’ospite. Mi sono avvicinata al Coaching per una mia predisposizione alla consulenza aziendale, all’insegnamento e soprattutto per aver conosciuto Roberto Boccacelli, in qualità di Direttore generale del noto boutique Hotel Firenze Number Nine 4*S.

Come ci diceva ha avuto modo di operare in diverse aziende ognuna con la una propria specificità. In che senso un percorso di Coaching può essere utile all’azienda intesa sia come proprietà che staff?

Ogni struttura ha le sue peculiarità, ad esempio una SPA di un hotel di lusso in una città storica non può essere assimilata ad una SPA termale immersa nelle colline. Occorre individuare i punti di forza e di debolezza, che sono le basi su cui il nostro team lavorerà. Questo step di analisi progettuale è di vitale importanza sia per lo staff che per la proprietà per far comprendere loro le reali e verosimili potenzialità della struttura in modo tale che ogni membro del team sia consapevole della sua funzione/responsabilità all’ interno del progetto ed i proprietari siano guidati nei corretti interventi ed investimenti da pianificare.

Roberto Boccacelli, fondatore di Coaching For Hospitality è un coach, ma ancor prima è un manager esperto dell’ospitalità. Secondo Lei questo specifico background è importante per ottenere dei risultati positivi in settori come quelli del benessere?

Giornata dello Staff: una proposta Coaching For Hospitality

Certamente. Roberto Boccacelli, in qualità di general manager di diverse strutture alberghiere, ha maturato una notevole esperienza nella conoscenza dei differenti reparti dell’hotel, pertanto può interpretare correttamente il funzionamento del settore benessere singolarmente e all’interno del complesso hotellerie.

Ci avviamo alla conclusione Laura. Salutandola Le vorrei chiedere tre motivi per cui consiglierebbe Coaching For Hospitality di Roberto Boccacelli

Il Coaching è fondamentale per tre aspetti, che lo rendono una scelta utilissima per qualsiasi struttura alberghiera (e non solo!):

  1. Innanzitutto comporta un’analisi approfondita della struttura, delle sue capacità.
  2. Il secondo aspetto, legato al primo, riguarda lo sviluppo delle performance aziendali, attraverso un percorso “made to measure” che porti l’hotel a migliori risultati sia economici sia di qualità del lavoro per lo staff.
  3. Il terzo motivo è che Roberto Boccacelli insegnerà chi è l’ospite e come debba sentirsi all’interno dell’hotel. Ricordandoci che il primo ospite a dover stare bene al lavoro siamo NOI!

Grazie e buon Coaching a tutti!

 Grazie a Lei Laura e buon lavoro.